Curiosità del 13/09/2014

La strana diffidenza giapponese verso gli stranieri

Sabato 13/09/2014 - Nonostante gli enormi successi in ambito internazionale, gli abitanti dell'arcipelago nipponico guardano con diffidenza verso gli stranieri, soprattutto nelle aree rurali lontano dai grandi centri

In generale i giapponesi danno quasi l'impressione di provare un forte sensazione di timore nei confronti di chi non appartiene alla loro comunità, cioè il 'gaijin', lo straniero.

Questo atteggiamento è alimentato anche dalla cultura che prevede che la nazionalità derivi dal 'diritto del sangue', secondo cui un tempo veniva riconosciuta legalmente solo la discendenza per via paterna.

Un caso davvero eclatante di questa profonda diffidenza è costituito dal trattamento che riservano ai 700 mila cittadini di origine coreana.

Si tratta soprattutto di sopravvissuti e di discendenti dei lavoratori giunti o deportati in Giappone tra gli anni 1910 e 1945 in seguito all'occupazione nipponica della Corea.

Sebbene molti siano nati in territorio giapponese, essi sono ancora considerati stranieri.

Inoltre subiscono diverse forme di discriminazione perché i cittadini del Sol Levante nutrono un profondo disprezzo per la Corea e i suoi abitanti, anche se proprio quel Paese ha avuto una profonda influenza sulla cultura giapponese.

Su una popolazione di quasi 125 milioni di persone, il Giappone ospita circa un milione e mezzo di stranieri, concentrati soprattutto nelle grandi aree urbane.

Del resto, eccezion fatta per coreani e cinesi, gli stranieri naturalizzati nell'arco degli ultimi 35 anni sono stati meno di 9 mila.

In alcune regioni, gli abitanti non hanno mai visto una perwsona non giapponese in vita loro, oppure l'ultimo che hanno incontrato è stato un soldato americano al termine della seconda guerra mondiale.

La diffidenza verso tutto ciò che rischia di turbare l'omogeneità della popolazione si riflette persino sui giapponesi che hanno vissuto all'estero.

Al loro ritorno in patria infatti, può capitare che vengano guardati con sospetto dai loro colleghi d'ufficio.

E così in epoca di globalizzazione e mentre in tutto il mondo si assiste al trionfo dello yen e agli inarrestabili successi produttivi e commerciali del Giappone, l'isola degli Shogun sembra soffrire ancora di nostalgia per l'antico isolamento dal resto del mondo.

Articoli Correlati

Il Giappone, una superpotenza economica - 29/09/2014
Il ruolo giapponese nell'economia del mondo e la sua veste di finanziere del mondo
Grazie soprattutto agli sfolgoranti successi dei suoi modelli economici il Giappone è diventato da d...Leggi tutto
L'Economia Giapponese e la capacità di dominare le crisi - 27/09/2014
L'economia del Sol Levante ha dimostrato grazie alla lungimiranza dei suoi dirigenti di poter dominare e superare senza eccessivi strascichi le crisi finanziarie di ogni tipo
Il Giappone ha dimostrato negli anni una grandissima capacità di superare gli ostacoli che si frappo...Leggi tutto
L'Industria Elettronica Giapponese - 25/09/2014
Il fiore all'occhiello dell'economia giapponese: elettronica e tecnologia
Nell'immaginario collettivo dei popoli occidentali, il Giappone è sinonimo di tecnologia e ambienti ...Leggi tutto
L'industria automobilistica in Giappone - 23/09/2014
La leadership assoluta delle case giapponesi costruttrici di automobili: un esempio di creatività e stile
Una volta conclusa con la disfatta la seconda guerra mondiale, l'industria automobilistica giappones...Leggi tutto
L'Industria Giapponese - 21/09/2014
Il settore industriale del Sol Levante gioca un ruolo fondamentale nell'Economia mondiale, dominando alcuni settori come quello tecnologico
Il settore industriale è stato senza dubbio il principale protagonista del 'miracolo economico' giap...Leggi tutto